Più vicini a un mondo multipolare

Il recente tour del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in America Latina ha confermato che la Russia rimane, insieme alla Cina, l’importante contrappeso all’arroganza statunitense.

di Marina Menéndez Quintero
Fonte:
Traduzione: GFJ

Da una parte e dall'altra, si stanno compiendo passi che minano l'ingiusto ordine mondiale, non principalmente per ragioni ideologiche o politiche, ma per ragioni economiche, e persino per ragioni di sopravvivenza Autore: Juventud Rebelde. Pubblicato: 24/04/2023

Non è solo un desiderio: il mondo sembra ormai più vicino al multipolarismo.

Due o tre recenti avvenimenti alimentano le speranze di molti, perché la loro cristallizzazione sarebbe un passo a favore della giustizia nel mondo. E va di pari passo con il declino dell’egemonia statunitense. Ciò rafforza la fiducia che questo altro mondo, migliore, si sta lentamente avvicinando.

Le conferme non arrivano solo dal Sud, dove, per necessità, l’impegno per il cambiamento è sempre stato latente; questi venti soffiano anche da Est.

Da un lato, il ritorno del Brasile nel gruppo dei Brics e la nomina dell’ex presidente Dilma Rousseff a capo della sua giovane Banca di Sviluppo ci ha fatto capire il potenziale di un’istituzione che ha nelle sue casse quasi lo stesso denaro della Banca Mondiale e che potrebbe essere disposta ad aiutare le nazioni altamente indebitate a liberarsi dalle grinfie del Fondo Monetario Internazionale.

Ciò è di importanza strategica in un momento cruciale, in cui la crisi economica e finanziaria preannuncia alcuni anni di stretta della cinghia per tutti, che sarà come togliere il respiro ai Paesi indebitati.

In questo contesto, l’appello di Luiz Inacio Lula da Silva a sostituire il dollaro come moneta di scambio nelle relazioni commerciali e, di fatto, l’uso dello yuan e del real nei suoi rapporti con Pechino, potrebbero avere dei sostenitori e segnare una nuova svolta nel commercio internazionale, dove già si registrano altri esempi.

In controtendenza, i cosiddetti incontri di primavera promossi dal FMI e dalla Banca Mondiale hanno solo annunciato disgrazie senza alcuna prospettiva di soluzione, perché le loro ricette non cambiano, ma diventano solo più sfumate.

Come se non bastasse, il recente tour latinoamericano del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha confermato che il suo Paese rimane, insieme alla Cina, l’importante contrappeso all’arroganza statunitense, nonostante le sanzioni dovute al conflitto in Ucraina e i vecchi tentativi dell’Occidente di fermare, a tutti i costi, la sua emergenza politica ed economica. Non ci sono riusciti.

Il viaggio che ha portato Lavrov in Brasile, Venezuela, Nicaragua e Cuba non solo ha sancito forti legami commerciali e ha serrato i ranghi con nazioni che non si sono unite all’assedio contro la Russia e che sono, come la patria di Lenin, “punite” dalle misure sanzionatorie statunitensi. Inoltre, si tratta di Paesi che vanno avanti per la loro strada nonostante tutte queste pressioni.

Nel nostro emisfero, questo desiderio di autonomia dai centri egemonici ha un’altra recente espressione: il cosiddetto Vertice contro l’inflazione e per la sovranità alimentare convocato dal presidente messicano Andrés Manuel López Obrador, che avrà un seguito nell’incontro previsto per il 6 e 7 maggio a Cancún.

Sebbene sia ancora agli inizi, questo processo dovrebbe portare a misure per il commercio bilaterale o a una più ampia partecipazione basata sulla complementarità, che contribuirebbe ad alleviare l’elevato costo della vita. È molto probabile che, in alcuni casi, il dollaro sia già assente.

Da entrambe le parti si stanno compiendo passi per minare l’ingiusto ordine mondiale, non principalmente per motivi ideologici o politici, ma per motivi economici e persino per motivi di sopravvivenza.

Laborioso ma inesorabile

Il sociologo, accademico ed editorialista argentino Atilio Boron definisce questo nuovo ordine, in cui non ci saranno ” capi”, un mondo “policentrico” in cui tutti saranno seduti a un tavolo rotondo, senza supremazie.

A suo avviso, gli Stati Uniti mantengono un potere eroso ma ancora innegabile sulle istituzioni che stabiliscono le regole del potere finanziario ed economico mondiale e dal punto di vista militare, motivo per cui la costruzione di questo mondo policentrico sarà “faticosa“, avverte; ma è già un percorso inesorabile e irreversibile.

La Cina è ritenuta una delle locomotive per percorrere questo viaggio. La sua crescente presenza in America Latina è un altro modo per alleviare la dipendenza da Washington, consolidando al contempo l’espansione economica e commerciale di Pechino.

La sua presenza nella regione è in crescita, anche se la maggior parte degli investimenti diretti esteri in America Latina proverrà ancora da Stati Uniti ed Europa entro la fine del 2022, secondo la CEPAL (Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi).

Altre fonti sostengono che il commercio tra Washington e la regione ammonta a circa 800 miliardi di dollari.

Tuttavia, i legami con la Cina hanno un valore aggiunto che va oltre il semplice commercio: sono verificati con una visione olistica che privilegia la cooperazione. In senso generale, questo è lo spirito che potrebbe salvare l’umanità insieme alla complementarietà.

Durante il recente soggiorno di Lula nella capitale cinese, la presenza del gigante asiatico in America Latina è stata rafforzata dalla firma di una ventina di accordi. Tra questi, quello che ha stabilito che il commercio bilaterale sarà condotto nelle rispettive valute locali.

Molti sono preoccupati per questo passo verso la fine dell’egemonia del dollaro. Forse seguendo l’esempio sino-brasiliano, anche l’India e il Bangladesh hanno concordato di condurre parte delle transazioni commerciali bilaterali nelle rispettive valute, la rupia e il taka, riporta Russia Today con riferimento a The Business Standard.

Proprio la presenza di Cina e Russia nel gruppo BRICS, che insieme a Brasile, India e Sudafrica – così promettente che una dozzina di altre nazioni vogliono già aderire – dà dinamismo al concerto economico e finanziario internazionale e potrebbe avere l’opportunità di testare la sua forza nella prevedibile crisi dei pagamenti dei debiti esteri che si prevede verrà provocata, Tra le altre ragioni, il previsto calo del PIL mondiale quest’anno e l’aumento dei tassi d’interesse con cui molte banche centrali hanno risposto all’inflazione – le organizzazioni internazionali sostengono che si è trattato di una decisione inadeguata – gonfieranno ulteriormente questi debiti.

Anche se non è stata creata per questo tipo di prestiti finanziari, il potere della cosiddetta Nuova Banca dei Brics è innegabile. Si dice che i suoi fondi ammontino a 100 miliardi di dollari, una cifra molto vicina ai 115 miliardi di dollari di cui dispone la Banca Mondiale.

E l’assunzione di Dilma Rousseff alla sua guida nel periodo rimanente della presidenza pro tempore del Brasile fino al 2025 e la sostituzione di Marcos Troyjo, uomo di Jair Bolsonaro, è considerata strategica. Infatti, Dilma era in carica come capo di Stato del Brasile al momento della sua fondazione ed è un’economista di formazione. Quindi l’istituzione finanziaria non le sarà estranea. Inoltre, il suo pensiero politico è molto vicino a quello di Lula, con cui condivide la militanza nel Partito dei Lavoratori del suo Paese.

La Banca è stata creata nel 2014 per finanziare progetti infrastrutturali e di sviluppo sostenibile nei Paesi fondatori e si dice che da allora abbia approvato quasi 33 milioni di dollari di finanziamenti per circa 100 progetti.

Lula, figura di grande esperienza, cresciuto come statista dopo la sua “resurrezione” e con un’apparente leadership internazionale, ha confessato uno dei suoi sogni durante la cerimonia di insediamento del suo connazionale alla guida della Banca: “che i BRICS possano creare un forte strumento di sviluppo e prestare denaro con la prospettiva di aiutare i Paesi e non di soffocarli“.

Non è certo un’iniziativa che da sola non cambierà il mondo, ma mostrerà come contribuire a metterlo a posto.

Naturalmente, non sarà fatto in un colpo solo, ma passo dopo passo e tra molti, il nuovo ordine internazionale può essere costruito.

Pubblicato in Attualità, Cuba, Internazionale

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346