Vertici tempestosi

Gli incontri al vertice degli ultimi due mesi hanno mostrato un’umanità che sembra tracciare un percorso diverso da quello che ha vissuto negli ultimi 80 anni, segnato dal dominio, dall’imposizione, dal ricatto e dalla minaccia permanente rappresentata dall’egemonia atlantista degli Stati Uniti e dell’Europa.

di Sergio Rodríguez Gelfenstein
Traduzione e aggiunte: GFJ
27 settembre 2023

Il titolo di questo articolo prende spunto da uno straordinario romanzo scritto da Emily Brontë (Cime tempestose) a metà del XIX secolo, che è stato più volte adattato per il cinema e la televisione. Ho visto la versione del 1992 diretta da Peter Kosminsky.

Il titolo del romanzo mi è venuto in mente quando mi sono proposto di riflettere sull’esito di una serie di incontri tenutisi recentemente quest’anno che hanno rappresentato una vera e propria tempesta per l’esistenza e il funzionamento del sistema internazionale.

Tra questi, i vertici BRICS in Sudafrica ad agosto, il vertice G20 in India e il vertice G77+ Cina a Cuba a settembre. E aggiungerei il Forum economico dell’Estremo Oriente, tenutosi nella città russa di Vladivostok nello stesso mese. In meno di due mesi le fondamenta del sistema internazionale atlantista ed eurocentrico sono state scosse.

L’incontro annuale del 2023 del gruppo BRICS ha definitivamente rotto l’oscurantismo mediatico che accompagnava queste sessioni. Non era più possibile nascondere al mondo un’associazione di cinque Stati a cui vogliono aderire circa 40 Paesi del cosiddetto “Sud globale”, di fronte all’avanzata prepotente di questo raggruppamento che si sta rafforzando come contrappeso all’ordine finanziario e politico occidentale.

Attualmente (prima dell’ingresso di sei nuovi Paesi il 1° gennaio 2024), i BRICS rappresentano già il 41% della popolazione, il 31,5% del prodotto interno lordo (PIL) e il 16% del commercio mondiale. Ciò ha permesso di definire un’agenda diversa da quella occidentale, come dimostra il suo sostegno alla Russia nell’affrontare le sanzioni di Stati Uniti e Unione Europea.

L’odierna forte richiesta di adesione al blocco è una dimostrazione dell’influenza di questa nuova forza geopolitica che ha il potenziale per sfidare il sistema guidato dall’Occidente. Una forza che sarebbe guidata dalla seconda potenza mondiale, la Cina, che insieme alla Russia spera di guidare la comunità internazionale verso un mondo più giusto, equo e partecipativo.

Lo ha detto il presidente Xi Jinping salutando il suo omologo russo al termine della sua visita di Stato in Russia a marzo: “Stanno avvenendo cambiamenti che non abbiamo visto in cento anni, e siamo noi a guidarli insieme“. Lo ha ribadito il ministro degli Esteri cinese Wang Yi all’inizio della sua visita a Mosca lunedì 18 marzo: “Siamo pronti a lavorare insieme alla Russia per la formazione di un mondo multipolare e di un ordine mondiale più equo“. Queste dichiarazioni non lasciano spazio a dubbi su quale sia l’obiettivo finale.

A pochi giorni dall’incontro di Johannesburg, il vertice del G20 tenutosi a Nuova Delhi nella seconda settimana di settembre è stato un grande successo per l’India. Contrariamente agli interessi occidentali, il vertice ha evitato di “ucrainizzare” l’incontro. La dichiarazione finale, adottata per consenso, ha affrontato altre questioni di interesse globale come l’alimentazione, il clima e l’energia, la necessità di riformare le istituzioni finanziarie internazionali, la trasformazione digitale e la politica macroeconomica.

Vale la pena sottolineare l’accettazione dell’importanza degli obiettivi di sviluppo definiti strategici dal Sud globale, soprattutto in relazione al rafforzamento del ruolo che i Paesi in via di sviluppo devono svolgere nell’arena economica globale e alla necessità per i Paesi sviluppati di rispettare gli obblighi finanziari concordati che stabiliscono la necessità di stanziare 100 miliardi di dollari all’anno per combattere il cambiamento climatico. L’inclusione dell’Unione africana nel G20 come membro permanente è stata una decisione storica.

La Russia e gli altri Paesi che hanno spinto per depoliticizzare i dibattiti in questo organismo al fine di poter rispondere ai problemi affrontati dalla maggioranza della popolazione mondiale, sono riusciti a paralizzare i tentativi occidentali di trasformare l’evento in una discussione sulla situazione in Ucraina. Il conclave ha stabilito con precisione che sul pianeta esiste una molteplicità di conflitti armati, invitando a risolverli pacificamente attraverso il dialogo e gli sforzi diplomatici sulla base degli scopi e dei principi della Carta delle Nazioni Unite nella sua interezza. Ancora una volta è stato evidente il fallimento degli Stati Uniti e dei loro alleati.

In questo stesso mese si è tenuto anche il Forum Economico Orientale nella città dell’Estremo Oriente russo di Vladivostok. Il forum è “una piattaforma internazionale chiave per creare e rafforzare i legami tra la comunità russa e quella mondiale degli investitori, nonché per condurre una valutazione completa del potenziale economico dell’Estremo Oriente russo“. All’evento hanno partecipato circa settemila rappresentanti di oltre 50 Paesi. Secondo il portale RT, durante l’evento sono stati firmati documenti per un valore di quasi 34 miliardi di dollari, tra cui accordi su progetti infrastrutturali e di trasporto, sullo sviluppo di grandi giacimenti petroliferi, nonché nei settori edilizio, industriale e agricolo.

Il commercio tra la Russia e i Paesi della regione Asia-Pacifico è cresciuto del 13,7% l’anno scorso, mentre nei primi sei mesi di quest’anno è aumentato di un altro 18,3%. Durante il suo discorso al conclave, il presidente Vladimir Putin ha chiarito che lo sviluppo dell’Estremo Oriente russo è una “priorità strategica per tutto il XXI secolo“. Questo evento e gli accordi firmati smentiscono l’idea diffusa dai media transnazionali di disinformazione sull'”isolamento” della Russia e sulla crisi della sua economia.

Putin ha espresso l’idea che a livello globale stia emergendo “un nuovo modello di cooperazione” non basato sui modelli occidentali, spiegando che questi cambiamenti sono dovuti alla distruzione del sistema finanziario” da parte dell’Occidente. Secondo il presidente russo, ciò ha portato un numero crescente di Paesi a mostrare la propria disponibilità a cooperare secondo il nuovo modello.

Infine, sempre questo mese, Cuba ha ospitato il vertice del Gruppo 77+ Cina, un gruppo di 134 Paesi dell’Asia, dell’Africa e delle Americhe che rappresentano l’80% della popolazione mondiale e due terzi dei membri delle Nazioni Unite.

Questo evento è stato considerato un incontro dei Paesi del Sud del mondo che sono stati battuti e maltrattati dall’ingiusto sistema internazionale egemonizzato dall’Occidente. È stato particolarmente importante che l’incontro si sia tenuto a Cuba, un Paese che da più di 60 anni è bloccato e multisanzionato dagli Stati Uniti. L’evento ha denunciato con grande insistenza le politiche di blocco, ingiustizia, colonialismo, impoverimento, sanzioni, emarginazione, sfruttamento e razzismo che questi popoli hanno subito in varie forme.

Contrariamente a quanto trasmettono i media transnazionali della disinformazione, il Vertice ha chiarito che sono gli Stati Uniti, l’Europa e quella che hanno chiamato la loro “Comunità internazionale”, isolata dalla maggioranza dell’umanità che cerca altre strade e indica altri percorsi sulla strada per difendere i valori della giustizia e del benessere.

L’evento ha sottolineato che è necessario costruire un approccio diverso per affrontare gli elementi fondamentali dello sviluppo scientifico, cognitivo e tecnologico, al fine di progredire e raggiungere “un valore aggiunto, ottenere giustizia e condizioni di parità ed eliminare una volta per tutte l’arroganza, la discriminazione, l’egemonia e le guerre imposte dal Nord“.

L’incontro è stato dominato dalla logica stabilita nel suo discorso da Miguel Díaz-Canel, Presidente di Cuba, quando ha detto: “Non siamo Paesi poveri, ma impoveriti e privati della tecnologia e della scienza in modo da rimanere marginali e rendere più facile per i Paesi del Nord saccheggiare le nostre risorse umane e la nostra ricchezza“.

In qualità di presidente del Gruppo, Díaz-Canel ha chiesto la costruzione di un ordine globale giusto e sostenibile che permetta alla maggior parte di questi Paesi di uscire dalle crisi che sono state loro imposte. A tal fine, ha proposto di concentrarsi in modo partecipativo e collettivo sullo sviluppo delle risorse scientifiche, sull’innovazione e sul rafforzamento delle capacità scientifiche e cognitive per raggiungere uno sviluppo sostenibile.
In un discorso a sorpresa all’evento, il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres si è unito alla protesta globale affermando che è essenziale cambiare sia l’ordine internazionale che le sue istituzioni, create dopo la Seconda Guerra Mondiale, per “riflettere le realtà di oggi“.

Guterres ha aggiunto: “Abbiamo bisogno di un’azione globale (…) per costruire un sistema internazionale che sostenga i diritti umani e lavori nel loro interesse a tutti i livelli. E questo richiede che la Cina del G77+ usi la sua voce per lottare per un mondo che funzioni per tutti“.

Contrariamente alla sua posizione tradizionale, Guterres ha affermato che l’obiettivo fondamentale dovrebbe essere quello di costruire “istituzioni multilaterali forti ed efficaci”, poiché molte di esse, in particolare il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e quelle create dagli accordi di Bretton Woods, “riflettono un’epoca passata” e non quella attuale.

Sembrava incredibile, ma il diplomatico portoghese ha affermato con fermezza: “La voce del G77+Cina sarà sempre essenziale all’ONU. E conto su questo gruppo, che da tempo è un sostenitore del multilateralismo, per farsi avanti, usare il suo potere e combattere“.

Nel complesso, quindi, gli incontri al vertice degli ultimi due mesi hanno mostrato un’umanità che sembra tracciare un percorso diverso da quello che ha vissuto negli ultimi 80 anni, segnato dal dominio, dall’imposizione, dal ricatto e dalla minaccia permanente rappresentata dall’egemonia atlantista degli Stati Uniti e dell’Europa.


Articoli correlati:

Il mondo cambia e anche l’America Latina cambia (+VIDEO)

Cuba al Vertice BRICS: per la difesa delle legittime rivendicazioni delle nazioni del Sud e per un Mondo multipolare

Il ritorno del “Terzo Mondo”: America Latina, Caraibi, Africa

Soros e il vecchio mondo che si rifiuta di morire

Come si orienta Cuba socialista nella prospettiva di un mondo multipolare – Intervista esclusiva all’eroe cubano, René González

I “sommi sacerdoti” del mondo libero e la solita (vecchia) propaganda del colonialismo europeo

Pubblicato in Attualità, Blocco, Cuba, Internazionale

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346