Fidel e i “bambini di Sankara”

Durante la Rivoluzione d’agosto in Burkina Faso (1983-87), 600 studenti di età compresa tra gli 11 e i 14 anni si recarono a Cuba per ricevere una formazione in vari settori.

di Àlex Meyer Verdejo
Fonte:
Traduzione, aggiunte: GFJ
Copyleft © Tutto il materiale, compresa la traduzione, è liberamente riproducibile ed è richiesto soltanto la menzione delle fonti e dei link originali.
10 agosto 2023

Da Cuba al Burkina Faso

Il 7° Vertice dei Paesi Non Allineati si tenne a Nuova Delhi dal 7 al 12 marzo 1983. Il giovane capitano Thomas Sankara vi partecipò in qualità di primo ministro dell’Alto Volta, dove incontrò per la prima volta Fidel Castro. “Con questa prima conversazione ho capito che Fidel ha una grande umanità, un’intuizione molto acuta e che era molto consapevole dell’importanza della nostra lotta e dei problemi del nostro Paese. Siamo diventati molto amici“. [1] Mesi dopo, il 4 agosto 1983, ebbe luogo la rivolta che avrebbe portato Thomas Sankara alla presidenza.

L’arrivo del governo rivoluzionario scosse le fondamenta dello Stato neocoloniale dell’Alto Volta: cambio del nome in Burkina Faso ( che combina diula e mooré), nazionalizzazioni, riforma agraria, miglioramento dei servizi pubblici, partecipazione diretta attraverso i Comitati per la Difesa della Rivoluzione [2], promozione dei prodotti locali, apertura di posizioni di grande responsabilità alle donne, ecc. Il tasso di alfabetizzazione, che all’epoca si aggirava intorno al 4%, aumentò di tre o quattro volte in quattro anni. Per Thomas Sankara, l’istruzione era fondamentale per la lotta del popolo burkinabé: “Le scuole devono insegnare a leggere, a scrivere, ma soprattutto a contare. Non a contare sulle dita in modo ipnotico, ma a contare con le proprie forze“. [3]

Internazionalismo proletario e lotta anticoloniale

In questo senso, la Rivoluzione cubana è nota anche per aver dato questa importanza vitale al sistema educativo. Nel suo discorso al Terzo Congresso Nazionale dei Consigli di Educazione Municipale (1962), Fidel Castro affermò che “si è creato uno straordinario spirito di miglioramento collettivo, un vero interesse per lo studio. Noi cubani possiamo dire con orgoglio che nel campo dell’istruzione siamo all’avanguardia in America“. Allo stesso tempo, il grande impegno di Cuba per il cosiddetto “internazionalismo proletario” ha fatto sì che nel corso dei decenni abbia stabilito legami con numerosi processi rivoluzionari in tutto il mondo.

Nonostante il blocco e i tentativi di destabilizzare la Rivoluzione, Cuba collaborò con circa 50 Paesi africani. [4] Ha svolto un ruolo attivo nella lotta contro l’apartheid sudafricana e ha sostenuto diversi processi di liberazione nelle ex colonie e processi rivoluzionari nei nuovi Stati indipendenti. Nel dicembre 1983, Cuba e il Burkina Faso hanno deciso di istituire una commissione congiunta di cooperazione. Nel luglio 1984 hanno firmato un accordo con implicazioni per l’industria, l’agricoltura, i trasporti, la sanità e l’istruzione. Nell’ottobre 1985 sono stati offerti 600 posti sull’Isola della Gioventù a Cuba per gli studenti della scuola secondaria. Nel marzo 1986, il presidente burkinabé inviò una lettera a Fidel Castro assicurandogli la sua “costante disponibilità a rafforzare ulteriormente le nostre relazioni in tutti i campi con l’obiettivo di rafforzare le nostre rivoluzioni“. [5]

Nebon Babou Bassono, uno di questi 600 studenti che sono andati a Cuba nel 1986" e Le Sankaractivisme

Nebon Babou Bassono, che vive a Barcellona da 15 anni, spiega di essere “uno di questi 600 studenti che sono andati a Cuba nel 1986“. I 600 posti sono stati distribuiti tra gli adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 14 anni delle 45 province che allora costituivano il Burkina Faso. Venivano favoriti i giovani orfani (di uno o di entrambi i genitori) o quelli in situazioni precarie. Un numero minimo di posti venne riservato alle bambine, 135 su un totale di 600.

Il governo cubano e quello burkinabé concordano una serie di studi, la maggior parte dei quali si incentrava su un’area professionale specifica. Circa 50 giovani poterono optare per studi finalizzati alla formazione universitaria. Bassono racconta che “è stato un momento di euforia rivoluzionaria. Per me, essere scelto per andare in un altro Paese con la stessa ideologia ha significato molto. A quel tempo in Burkina si respirava un’aria di rottura, di emancipazione del popolo dalla metropoli. E Cuba era una speranza. Sarò sempre molto grato di aver potuto studiare lì.”

Il 15 ottobre 1987: viene assassinato Thomas Sankara, il "Ché Guevara d'Africa".

Solo un anno dopo, Thomas Sankara viene assassinato. Blaise Compaoré iniziò a presiedere un governo che sarebbe durato fino al 2014 e che avrebbe ristabilito legami neocoloniali. “L’ambasciatore cubano in Burkina Faso è venne ad aggiornarci. Ascoltammo alla radio quello che era successo.” In seguito, una delegazione del nuovo governo burkinabé si recò a Cuba per riferire che non sarebbe cambiato nulla. Tuttavia, l’intero spettro dell’addestramento militare e ideologico fu rimosso. “Quando ascoltammo la notizia dell’assassinio, siamo crollati. Chiedemmo al governo cubano di addestrarci militarmente, ma a che scopo? Coloro che erano lì sapevano cosa volevano… Ma il governo cubano non fu d’accordo.

Cuba ha formato migliaia di giovani africani senza chiedere nulla in cambio. Foto: 40° anniversario della fondazione delle Scuole Internazionaliste sull'Isola della Gioventù, Cuba, 8 dicembre 2017

Nonostante la morte del contesto politico che li aveva portati a Cuba, i Bambini di Sankara hanno continuato a studiare. “Ho fatto più progressi in quattro anni su quell’isola che qui a Barcellona in 15 anni. Mi sentivo un cubano in più. Non era una sensazione del tipo ‘sono un africano e un migrante, sono in un Paese europeo e devo avere a che fare con gli europei’ “. Fino al 1978, l’Isola della Gioventù si chiamava Isola dei Pini, ma l’Assemblea Nazionale del Potere Popolare la ribattezzò in memoria di migliaia di giovani studenti che contribuirono alla sua ricostruzione dopo l’uragano Alma del 1966. Quando gli studenti del Burkina Faso si trovavano sull’isola, questa era un potente centro di formazione rivoluzionaria internazionalista. “Angola, Zimbabwe, Sudafrica, Congo, Nicaragua, Corea… Eravamo tutti compagni lì: i poveri del mondo in lotta contro l’imperialismo“.

“Thomas Sankara, i tuoi figli formati a Cuba non ti dimenticheranno mai”.

Dopo la scuola secondaria, si sceglieva una specializzazione e si andava sull’Isola Grande. Io andai a Santiago de Cuba. Ho fatto ingegneria industriale. Tra il 1992 e il 1994, la maggior parte degli studenti è tornata in Burkina Faso. Il gruppo che ha fatto studi universitari è tornato un decennio dopo, e alcuni sono rimasti a Cuba. Il ritorno non fu facile: erano partiti molto giovani e molti parlavano meglio lo spagnolo che il francese. Inoltre, avevano lo stigma di essere “comunisti” in un contesto controrivoluzionario.  Al momento della partenza, eri la speranza della famiglia… E quando torni sei solo un povero idiota che viene guardato dall’alto in basso. Ci sono casi estremi di persone che si sono suicidate“.

 Fidel Castro riceve Sankara a La Havana nel settembre 1984

Quando Thomas Sankara venne a Cuba per visitarci, ci disse che per lui eravamo “la trasmissione della Rivoluzione”. Quindi, naturalmente, noi saremmo stati in prima linea: ‘siamo il successore della Rivoluzione’. Ma passò un anno e fu assassinato. È successo il 15 ottobre 1987 e la sua figura è rimasta in gran parte sepolta durante i 27 anni del governo di Blaise Compaoré. Un periodo che si è concluso bruscamente con le mobilitazioni popolari di fine ottobre 2014. Il 4 agosto 2014, a Ouagadougou, si è tenuto un evento per presentare il Memoriale di Thomas Sankara. Un uomo ha parlato con entusiasmo della Rivoluzione di agosto. Sulla sua maglietta si leggeva: “Thomas Sankara, i tuoi figli formati a Cuba non ti dimenticheranno mai“.

La nuova gigantesca statua del capitano Thomas Sankara, situata sul Memoriale di Thomas sankara è stata svelata a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, domenica 17 maggio 2020. ©Faride Boureima

 

Note:

[1] Bruno Jaffré. https://blogs.mediapart.fr/bruno-jaffre/blog/051216/fidel-castro-thomas-sankara-cuba-burkina-des-liens-encore-meconnus

[2] Àlex Meyer. https://directa.cat/de-cuba-a-burkina-faso-els-comites-de-defensa-de-la-revolucio/

[3] Bruno Jaffré. http://www.thomassankara.net/appel-de-gaoua-sur-la-qualite-de-lenseignement-au-burkina-faso-17-octobre-1986/

[4] Hedelberto López. Cuba, pequeño gigante contra el Apartheid.

[5] Carta extraída del Archivo Nacional de Burkina Faso.

[6] Bassératou Kindo. www.thomassankara.net/cadres-burkinabe-formes-a-cuba-des-morts-des-suicides-des-sans-emplois-depuis-1992/


Articoli correlati:

Studenti africani a Cuba

L’aiuto internazionalista di Cuba in Africa. Un sogno al quale Fidel e Raúl dedicarono un impegno totale

“Grazie Fidel, ora l’Africa è libera”. Di Owei Lakemfa

Lo spirito di Thomas Sankara, il Che africano, guida le rivolte contro gli imperialisti occidentali in Africa (+VIDEO)

33 anni fa oggi veniva assassinato Thomas Sankara. Il discorso all’Onu che lo ha reso immortale (+ VIDEO)

Il Burkina Faso vuole giustizia per Thomas Sankara, 34 anni dopo il suo assassinio

Burkina Faso: la Francia ha davvero consegnato tutti i documenti sul caso Sankara?

Burkina Faso: il corpo di Sankara sarà riesumato

Discorsi e interviste del rivoluzionario burkinabé (Vol. 1)

Discorsi e interviste del rivoluzionario burkinabé (Vol. 2)

Thomas Sankara: “Discorso sul debito” (29 luglio 1987)

Pubblicato in Attualità, Cuba, Cultura, Internazionale

ARCHIVI


Warning: Undefined array key "sfsi_facebook_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 297

Warning: Undefined array key "sfsi_youtube_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 323

Warning: Undefined array key "sfsi_linkedin_display" in /home/cubasich/www/nuevo/wp-content/plugins/ultimate-social-media-icons/libs/controllers/sfsiocns_OnPosts.php on line 346